Un Biscione nel club Alfa Roma: Giulia Super 1600 grigio indaco (1969)




La storia tra la Giulia e Antonio inizia tanto tempo fa, negli anni in cui lui, giovane agente di PS, girava di pattuglia con le vetture in dotazione alla Polizia: Giulia e, successivamente, Alfetta.

Una storia fatta di inseguimenti, aneddoti e tanti chilometri percorsi a bordo di quella che, rispolverando un antico slogan, era la classica berlina Alfa che vinceva le corse, non solo sui circuiti ma anche sulle strade di tutti i giorni contro i malviventi, non venendo mai meno al suo impiego come macchina di pattuglia al servizio del cittadino.

Il tempo passa e la Giulia viene dismessa dagli autoparchi delle Forze Dell’Ordine, sostituita da modelli più recenti.

Arriviamo così al 16 Luglio del 1993 giorno in cui Antonio Canori, romano classe 1957, decide di fare un tuffo nel passato diventando possessore di una Giulia Super 1600 grigio indaco del 1969, la cosiddetta Biscione.

E’ un sogno che si avvera, ma l’auto necessita di molti interventi di meccanica, di carrozzeria e di interni, e Antonio dovrà attendere ancora qualche tempo per potersi definire soddisfatto della sua Giulia.

Ci troviamo nel pieno degli anni ’90: la Giulia berlina è semplicemente una vecchia auto, ai raduni è mal vista, al contrario delle sue derivate come la Sprint GT o le Spider/Duetto, già apprezzate e considerate dai collezionisti. Ma il tempo della rivalutazione è ormai alle porte, anche per la nostra berlina.

Antonio affidò la Giulia ad un ottimo carrozziere che realizzò una vera e propria opera di restauro delle parti in lamiera risanando o eventualmente sostituendo.

Il risultato è a distanza di anni ancora soddisfacente grazie anche ad una verniciatura effettuata in maniera impeccabile. Allo stesso modo, gli interni sono stati rimessi a nuovo da un giovane artigiano che ha rifatto totalmente le coperture dei sedili in finta pelle, tale e quale all’originale, compreso il rivestimento del padiglione con il classico materiale traforato in uso su svariate vetture fino ai primi anni ’80.

La meccanica invece venne affidata ad un esperto meccanico di Secondigliano (Napoli) che effettuò la totale revisione del motore comprensiva della sostituzione del gruppo canne e pistoni, delle bronzine di banco e biella e la sostituzione delle catene di distribuzione. Seguì una frizione nuova, la revisione dei carburatori e la Giulia di lì a poco tornò a rombare come ai vecchi tempi.

Arriviamo ai primi anni 2000, la Giulia di Antonio inizia a fare bella mostra di sè in vari raduni regalando molte soddisfazioni al suo proprietario.

Oggi Antonio, quasi vent’anni dopo l’acquisto, al solo vederla in garage, prova un brivido che lo riporta indietro ai tanti anni e ai tanti chilometri trascorsi a bordo della berlina che lui affettuosamente chiama, parafrasando una vecchia pubblicità degli anni ’70, “La Zia Giulia”.

 



15 comments — invia un commento

Giampaolo c.

E davvero una soddisfazione per un amante del modello come me vedere una Giulia così ben tenuta,Antonio oltre che un grande appassionato sei anche una grande persona!!!

Manuel Del Gaudio

Vedere questo capolavoro è un piacere,anche solo in foto mette davvero i brividi.
Complimenti Antonio,per la Giulia e non solo.

Karl

Questa macchina è veramente un violino!
Precisa, compatta, sana, dalla vernice lucente e dalle cromature brillanti!!
Il motore è un orologio, mentre le marce nel cambio entrano come fosse burro. Losterzo è una meraviglia e la pedaliera bassa aiuta quelli comme me, che ancora amano fare il “punta-tacco” in scalata.
Detto ciò due parole vanno spese anche e sopratutto sul proprietario, che meglio non saprei definire se non l’incarnazione della sua vettura in forma umana.
Grande Antonio!!

Paolo Ottolino

Bella. Complimenti!

Bravo

sabatino schiavoni

Anche le automobili somigliano ai padroni, direi che questa splendida vettura e’ esattamente l’immagine del suo proprietario, una bella cosa.

Marco Persico

Sabatino, posso solo condividere in pieno ciò che hai scritto e conoscendo Antonio, sono convinto che apprezzerà molto la tua affermazione… GRAZIE!!

antonio

aggiungo solo….Antonio ha comprato l’auto il 16 luglio…io sono nato il 16 luglio…lui si chiama Antonio..io mi chiamo Antonio, sarà destino quindi che noi amiamo senza riserve e svisceratamente la mitica giulia….beh si come molti anzi moltissimi altri…ma in questo racconto le affinità si sprecano…ah!!! dimenticavo….anchela mia è grigio indaco….complimenti Antonio per la tua favolosa GIULIA

Il Fusi

Bellissima questa Giulia, come ho detto ad Antonio. Ed è un grande anche Antonio!!!!!

mauro

Complimenti per la scelta del modello e del restauro, in passato ho avuto un gt 1600 con il quale sono andato in Libano ed ho attraversato l’europa
senza problemi.Se potessi trovare una berlina l’acquisterei subito anche se gli anni della gioventù non tornano. Mauro

giancarlo tonelli

ho avuto il piacere di condividere parecchi kilometri con lo splendido biscione e con il suo simpatico proprietario . Giulia e Antonio mi hanno subito conquistato!

manuel

grande antonio 🙂

mauro 62

MERAVIGLIOSA.UNICA…..da brivido………la vettura con cui ho iniziato a guidare……..l’ammiravo.la coccolavo………stesso colore della GIULIA di mio padre………ci passavo ore all’interno………un AMORE.ETERNO. COMPLIMENTI……………ma cavoli.quanti ricordi.ed EMOZIONI. SI, ne sono certo…..GIULIA…ed.ALFA ROMEO sono EMOZIONI.

Luca

Ho 20 anni e ho la fortuna di possederla una anch’io 🙂 ma la
Mia(mia?? ..di mio Padre!!ma x poco) è di colore blu olandese . la mia avrebbe bisogno di un ripristino ma al momento non me lo posso permettere 🙁 dio solo sa la voglia che ho di rimetterla in pista 🙂 abito a pavia in Lombardia e sinceramente non saprei a chi affidare la mia Giulia..se qualcuno conosce qualche bravo restauratore in Lombardia..e poi non trovo il libretto uso e manutenzione.di che colore è quello della Giulia super biscione? Grazie in anticipo
W le Giulia berline
Luca

marzio

lxa giulia è stata l auto della mia gioventu un gran bel ricordo

marzio

una carrozzeria che ti puo fare un lavoro piu che ecellente è frat lli azzolini rivarolo de re cr sono veramente dei maestri ciao ti invidio x la giulia l ho avuta an chio blu olandese una favola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *