Raduni. Alfasud Club Italia e Alfa Roma: è record con 15 Alfasud




Il 22 settembre si è tenuto a Roma il Primo Raduno Nazionale dell’Alfasud Club Italia, organizzato insieme ad Alfa Roma. Sono orgoglioso di poter affermare che questo è stato il raduno dei record per numero di Alfasud raggiunte, e nell’anno del quarantennale del modello questo risultato è stato la nostra più grande soddisfazione.

Quindici Alfasud (tra berline e Sprint), accompagnate da una ventina di Alfa Romeo d’epoca, si sono radunate nella splendida cornice del quartiere Eur. Il Palazzo della Civiltà Italiana (anche detto Colosseo Quadrato), il Palazzo dei Congressi, il Museo della Cività Romana e le strade del litorale romano hanno fatto da spettacolare scenario agli equipaggi giunti da ogni parte d’Italia, tra i quali Flaminio Massetti che ha vinto meritatamente il premio “Kilometrissimo” (ovvero per chi veniva da più lontano) per avere raggiunto Roma da Pordenone con la sua Alfasud prima serie blu Procida. 650km percorsi in piena notte, per raggiungere l’EUR alle 9.30 del mattino.

Sempre una 901A ha vinto il premo “Quarantanni”, la vettura più antica del raduno – numero di telaio 6200 – di proprietà di Fabrizio Santangelo, in uno stato di forma smagliante grazie anche al fresco restauro conservativo.

Il premio “Miglior Restauro” è stato assegnato al socio ASCI proveniente da Padova Riccardo Maragno per lo splendido lavoro eseguito sulla sua Sprint Veloce 1.5. Il quarto premio era dedicato alle “non” Alfasud, ed era intitolato infatti “è tutta sua zia Giulia” in ricordo di uno degli slogan pubblicitari della vettura di Pomigliano. Lo ha vinto meritatamente il socio di Alfa Roma Giampaolo Cataldi con una Giulia 1.3 Ti.

Ci hanno inoltre pregiato con la loro presenza i soci e i simpatizzanti di Alfasud Club Italia e Alfa Roma: Fabio Barriera, Giuliano Fabbrini, Francesco Bernardi, Andrea Sapia, Marco Bianco, Matteo Bartolini, Carlo Tiberi, Gianluca Mainas, Marco Persico, Francesco Bernardi, Pietro Carosi, Andrea Castagnino, Massimiliano Chisci, Andrea Persico, Vincenzo Pagano, Filippo Parisse, Danilo Cambrini responsabile Lazio del Club Cuore Sportivo, ed ancora Antonio Reale, Giancarlo Tonelli, Vincenzo Improta, e Achille Merli e tutti gli altri intervenuti, che ringraziamo ancora per la gradita partecipazione.

Presente alla giornata inoltre il presidente del Registro Alfetta Filippo Tirone, che da Bergamo non ha saputo rinunciare ad una giornata all’insegna della buona compagnia e dell’automobilismo storico Alfa Romeo.

Il sabato sera si è concluso con uno spettacolare tour nella caotica Roma “by night” con le Alfasud al seguito della bella Giulia Super condotta dal gentilissimo socio Alfa Roma Sabatino Schiavoni, in questa occasione dimostratosi “ciceronico” almeno quanto la simpatica bisarca delle sue ormai celebri favole alfiste.

Da Presidente di Alfasud Club Italia tengo particolarmente a ringraziare il Club Alfa Roma (di cui mi onoro di esser socio) senza il cui supporto logistico ed organizzativo non sarebbe stato possibile realizzare un raduno così riuscito e divertente all’insegna della sana passione, e tutti coloro che hanno partecipato o che ci hanno fatto anche solo una visita la mattina – come il nostro socio Renato che è a caccia di Alfasud – per toccare con mano quanta dedizione può generare una semplice utilitaria, per anni tanto bistrattata. Già proiettati ad infrangere il record appena stabilito speriamo presto di presentare a tutti la prossima data.

 



3 comments — invia un commento

Giampaolo Cataldi

È stato veramente un bel raduno, organizzazione perfetta, location perfetta e tante piccole pepate di pomigliano a condire il tutto, mai viste tante sud insieme,sono stato colpito dalla cura nel restauro,e dalla passione che l’asci nutre x questa Boxerina tutto pepe.
Ringrazio il direttivo di Alfaroma e dell’Asci x aver creato un così bello evento, e sopratutto x il premio conferitomi.
Giampaolo Cataldi

Nevio RUSSO

Esprimo sentito plauso per la vs iniziativa che ha provocato in me una profonda commozione. In effetti 40 anni fa in qualità di direttore PR/STAMPA della Socità Alfa Romeo ALFASUD SpA ho curato il lancio dell’ “Alfasud” scegliendone proprio una di colore blu e lanciando
una foto della vettura con lo sfondo del Vesuvio! Bravissimi ! Avanti così ! Con viva cordialità Nevio Russo.

Andrea Persico

Grazie 1000… cerchiamo di portare avanti una memoria storica troppo spesso dimenticata… le auto storiche sono un patrimonio della nazione da salvaguardare a tutti i costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *