Metti una sfida con i kart tra Alfa Roma e Club Alfisti Romani. Chi vince?




Un venerdì sera divertente ed epico. Scenario, il kartodromo della Muratella che ha ospitato due club Alfa Romeo della Capitale per una “kartata”, sana battaglia a colpi di sportellate tra Club Alfisti Romani e Alfa Roma.
I primi, ideatori della simpatica iniziativa, hanno accettato volentieri “l’auto” (e altrimenti che club sarebbe!) invito di Alfa Roma per il “derby” con Alfa Roma. Obiettivo: divertirsi e… vincere.

L’appuntamento ha registrato un’alta adesione dei soci di entrambi i club per cui è stata suddivisa in due manche, con tanto di qualifiche per stabilire la griglia di partenza.

In gara 1 la vittoria è andata ad Andrea Montanaro (Alfa Roma) che, una volta partito ha mantenuto salda la testa della gara, grazie anche al gioco di squadra del compagno di club Andrea Sapia (partito in pole ma con il kart che ha avuto qualche problema), giunto 4° al traguardo dietro ai veloci Emanuele Carbone e Daniele Catalano.

 

Le emozioni, quelle vere si sono viste in gara 2, dove a dare spettacolo sono stati i due fratelli Marco e Andrea Persico (Alfa Roma – partito in pole position), impegnati in una lotta fratricida da consumati piloti della specialità, disturbati dal velocissimo e preciso Stefano Cavarretta (Alfisti Romani) che ha dominato la corsa a lungo. Ma la vera star di gara 2 è stato Sabatino Schiavoni (Alfa Roma), ultimo al primo giro a causa si un’uscita sul”prato”, che ha recuperato in un crescendo di sorpassi e giri veloci giungendo primo al traguardo. Una corsa alla Nigel Mansell nel Gran Premio d’Ungheria del 1989. Premio fair-play Gentleman Driver a Marco Persico che ha buttato fuori pista tutti i partecipanti che gli capitavano a tiro, compresi i compagni di casacca.

 

Una serata divertente e spassosa conclusa con una bella cena in allegria. La migliore vittoria.

Alfa Roma ringrazia calorosamente il Club Alfisti Romani per la divertente iniziativa ed è ovviamente pronta a concedere la rivincita.



Pubblicato in Club

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *