Fuoriserie 2012. Franco Angelini primo socio onorario di Alfa Roma




Franco Angelini, il famoso preparatore romano che tanto lustro ha dato al marchio Alfa Romeo con le sue auto da competizione dalla Giulietta TI in poi, è il gradito ospite dello stand Alfa Roma nella giornata conclusiva di Fuoriserie.

Un colloquio per organizzare un primo appuntamento dedicato alla tecnica delle Alfa da competizione derivate dalla grande serie nella sede di Ostia del nostro sodalizio. Sarà l’occasione per ascoltare le storie dei trascorsi agonistici dell’Alfa Romeo in un arco di tempo che va dagli anni ’50 agli anni ’90.

Franco Angelini ha accettato di diventare il primo socio di Alfa Roma. Un saluto di grande emozione per il nostro giovanissimo club.



37 comments — invia un commento

Andrea Persico

Franco Angelini…. uno dei grandi protagonisti dell Alfa Romeo.

Patrizio Dessi

Grazie a TUTTi per la calorosa accoglienza che avete riservato al MAGO, gli ha fatto molto piacere ritrovare tanti appassionati, aiutiamolo a superare questo difficile momento per la sua salute.
Auguri Franco e grazie per tutto quello che mi hai insegnato in quegli anni, che mi accompagnano ancora oggi dopo 35 anni.

Andrea Persico

Patrizio grazie a te, è stato un onore averti allo stand.

Andrea S.

Grazie a te,Patrizio!

Michelantò

Sarebbe bello sentire qualche racconto in merito alla Giulia dei Carabinieri preparata con il Bialbero della GTA… e sapere che fine ha fatto….

Alessandro

Un grosso in bocca al lupo al team di Alfa Roma e a tutti i soci e conoscenti per la nascita di questo nuovo club sotto i migliori auspici, la presentazione del club alla manifestazione Fuoriserie e la presenza come persona e come socio onorario di Franco Angelini noto preparatore Alfa Romeo degli anni passati allo stand.

Manuel Del Gaudio

Ovviamente posso solo limitarmi a dire che è stato tutto bellissimo;
ma che dire bellissimo,SUPER!
Ringrazio tutti coloro che hanno “tirato sù” questa compagnia splendida tra cui per fortuna,ci sono anche io e ne vado fiero come sempre.
in finale dico la mia e la dico con uno slogan azzeccatissimo:
Se ti piace l’Alfa Romeo,ti piace ALFA ROMA.

Andrea S.

Franco Angelini: più Alfa e più Roma di così….

andrea c.

Non vedo l’ora di poter ascoltare dal vivo i racconti del MAGO..Ricordo l’ultima volta che sono entrato sognante nella sua officina piena di delle auto che sognavo e che continuo a sognare…Grande Franco!!

Maresciallo

Ricevere la visita di un MAESTRO come Franco Angelini, poter avere il privilegio di sentire le storie di una persona che ha contribuito a far si che l’Alfa Romeo divenisse sinonimo di vettura da corsa VINCENTE con tanta passione, è una senzazione che non si può descrivere………….. Ascolterei per ore ed ore le sue parole…………..

Andrea Persico

Un esempio da seguire per passione, professionalita e competenza!! Grazie Angelini per tutto quello che hai fatto per l’Alfa Romeo.

fabrizio c.

quante volte mi sono soffermato sulla rampa dell’officina a monteverde a guardare e a sognare!!!

federico

salve sono federico nipote del signor luigi giuliani sono rimasto stupito dalla passione che avete verso queste “divine” della strada mettete altre foto perchè sono stupende forza ragazzi forza alfaroma

marco

sono ritornato sulla terra e ho visto il “paradiso” dio è alfista….saluti da marco re leone

Marco Persico

Un Grande tecnico poteva essere solo un Grande Alfista! Mi onoro di aver stretto la mano al MAGO. in quel momento ho sentito in me una grande emozione.

marco

grande ragazzi sono un appassionato come voi e ho avuto l’onore di conoscere il dottor franco angelini, a quando il prossimo incontro-raduno?

Patrizio Dessi

Amici Alfisti con il pianto nel cuore devo annunciarvi che il Mago non è più tra noi, la crudele malattia ha avuto il sopravvento su un leone come Lui.
Avevo scambiato poche parole con Lui la scorsa settimana, parlava con fatica …. con Lui perdo un padre adottivo, a Lui devo tanto ancora oggi a distanza di 35 da quando lo conobbi.

I funerali si svolgeranno sabato 18 alle ore 11:00 presso la chiesa di S.Andrea sulla Cassia 731.

Andrea Sapia

Caro Patrizio, è con grande dolore che apprendiamo che Franco purtroppo non ce l’ha fatta.

Alfa Roma si unisce al cordoglio della famiglia e degli amici tutti.

Piero Marotta

I misteri della vita ! dopo circa 40 anni, proprio pochi minuti fà chissà perchè e senza un motivo, mi è venuto in mente il Grande Franco Angelini. Attraverso fb purtroppo ho appreso che egli non è più. Ero molto legato al Mago in quanto ho avuto il privilegio di correre con la sua GTA 1600 negli anni 70. Gli ho regalato molte vittorie, la più bella, a suo dire, la conquista alla Rieti Terminillo culminata con la conquista del 1° assoluto.Da molti anni mi porto dietro la grande soddisfazione che trapelava dal suo volto
per quel successo.Non aggiungo altro.. riposa in pace Franco e grazie…..

Paola Vaccari

Il mio pensiero va al grande Franco Angelini che insieme a mio padre hanno scritto la storia dell’automobilismo italiano con le loro elaborazioni. Ma il mio ricordo di te sono le grandi risate e la tua gioia di vivere nonostante tutto. Ciao Franco

manuel

CIAO FRANCO,RIPOSA IN PACE VECCHIO ALFISTA!!!!
sabato ti saluteremo per l’ultima volta….GRAZIE

Stefano d'Amico

Cari Amici di Alfaroma, si purtroppo Franco Angelini se ne è andato, in silenzio e con discrezione, come era Suo costume. Se ne è andato dopo aver portato per anni con tanta forza e dignità il peso della Sua malattia.
Non sarà più fra Voi a ricordare le Alfa che per ben 40 anni ha portato alla vittoria in ogni parte del mondo.
Ed io, che mi onoro di averlo avuto amico per altrettanti 40 anni, malgrado quel Suo caratteraccio che lo ha sempre simpaticamente contraddistinto, sento l’obbligo di ringraziare Voi e l’amico Danilo Moriero per avergli dato gli ultimi sorrisi, per incontrare un’ultima volta tanti Amici e fatto conoscere ai più giovani. E’ stato un uomo geniale che ha contribuito ad elevare il prestigio e l’immagine della nostra Alfa Romeo ….. che non gli ha mai detto ufficialmente : grazie !
E Voi gli avete reso Onore.
Grazie Alfaroma. Confido di vederVi presto e di averVi con noi, nel RIAR.
Stefano d’Amico
Tra tanti Amici

Andrea Sapia

Caro Presidente,
Siamo noi a ringraziare Lei per averci donato degli scambi di battute impareggiabili con il grande Franco, nella sua ultima presenza ufficiale al quarantesimo dell’Alfasud a Vigna di Valle, a giugno.
Franco era un po’ stanco a fine giornata, ma ci eravamo lasciati con la promessa di fare presto qualcosa insieme, come Lei ricorderà.. Purtroppo non riusciremo più a fare la “Giornata in officina” che ci eravamo proposti di organizzare assieme a Franco e agli altri soci di Alfa Roma, e neppure nessuna delle nostre altre iniziative – magari un po’ ingenue – che sembravano riaccendere un po’ di entusiasmo negli occhi di Franco…
Ma adesso Franco non c’è più, e così rimane l’amarezza di non poter più incontrare un grande Alfista ma soprattutto un grande uomo, che si era avvicinato a noi, piccoli Alfisti sconosciuti, trattandoci con benevola fraternità solo perchè accomunati dalla stessa “passionaccia”.
Passionaccia in nome della quale sabato gli tributeremo, purtroppo, l’estremo saluto.

Addio Franco, se gli angeli guidano Alfa Romeo e non sono soddisfatti delle prestazioni, da oggi sanno a chi rivolgersi.

Andrea Sapia
Segretario Alfa Roma

Ivan F. Scelsa

Un’altro pezzo di Alfa Romeo che se ne va…ma che di fatto non ci abbandona poichè entra nella Leggenda. Un sentito ringraziamento agli Amici di AlfaRoma che con il Riar sono stati tra i primi a tributargli il giusto merito.
Ciao Franco!

Ivan F. Scelsa – Associazione CinemAlfa

Marco Persico

Grazie Ivan! Il nostro è stato solo un dovere, in memoria di un “Personaggio” al quale oggi più di ieri bisogna dare il giusto riconoscimento per quello che ha dato all’Alfa.

Marco Persico

Franco Angelini ovvero….Un Grande Alfista!!!!
La sua grande passione unita all’enorme competenza in ambito tecnico motoristico hanno dato vita alla sua leggenda….Come scrissi alcuni mesi fa sono “onorato” per aver avuto la fortuna di stringergli la mano….cosi come rimane vivo in me il tempo trascorso insieme a Noi in fiera nello spazio riservato ad Alfaroma….sarebbe rimasto per ore li a raccontarci i mille aneddoti relativi alla sua immensa carriera Alfista. Una grande emozione, che ha di colpo spazzato via il piacere di essere salito svariati anni fa a bordo di una delle sue “creature” a Vallelunga….. Sabato un forte “rombo” si udirà e tu da lassù ci sorriderai. R.I.P.

Sabatino Schiavoni

Ricordo che da bambino passavo spesso davanti alla rampa del garage di Franco sulla Circonvallazione e vedevo i mostri preparati attendere l’uscita dalla “sala creazione”; tutti i meccanici di Monteverde parlano di lui con ammirazione ed un senso di rispettosa ammirazione, quella che meritano i maestri che sono inarrivabili. Potremmo dire tante cose, io credo che per Franco aver avuto intorno persone che gli hanno regalato un sorriso in un giorno speciale sia stato un bel momento, quindi sono contento di aver avuto questa possibilita’, ma altrettanto aver avuto da lui il privilegio di averci regalato un momento di riflessione, un sorriso ed una risata, come quando ci raccontava qualche avventura avuta in pista e’ stato altrettanto bello. Di Franco Angelini mi rimarra’ un ricordo di un signore anziano, ma arzillo, di una persona che sa di essere forte, ma nello stesso tempo non ti fa sentire la sua superiorita’, che sa essere dissacratore e contemporaneamente fiero di ogni sua avventura e creatura, di un uomo che ha vissuto un lavoro non come una necessita’, ma come una passione sacra, da vero ROMANO DE ROMA! Negli occhi mi rimane il ricordo di un signore anziano, che sa di essere malato, ma che fa finta di nulla e va spedito avanti pensando alla prossima gara con la vita; con la dignita’ di UOMO ha affrontato a testa alta anche questa sua ultima corsa qui sulla terra… Grazie sopratutto di questo ultimo regalo, una lezione importante per tanti giovani che troppo spesso si fermano davanti alla prima difficolta’. Buon viaggio Franco, ti aspettano in Paradiso tanti amici, clienti e tanto lavoro da fare…. Grazie ancora del tuo passaggio qui tra noi

Andrea

Una grandissima perdita.Abitando vicinissimo a Monteverde,sono sceso molte volte e con riverenza nel SANTUARIO che era la sua officina.é stato un mito e come tutti i miti continuerà a vivere per sempre nel cuore di chi sa ama l’ALFA ROMEO quella vera..quella vincente.Per i ricordi di quello che ha fatto,rimane la storia e le auto ancora esistenti da lui elaborate.Per il mio di ricordo,rimarrà per sempre indelebile la battuta fatta durante la visione del filmato a vigna di valle che vedendo l’alfasud sulla neve gli aveva fatto venire voglia di GRATTACHECCA!!Ciao Franco..Grazie dei sogni che ci hai lasciato..

Patrizio Dessi

Questo è sempre il momento degli aneddoti, uno tra i tanti voglio ricordare per illustrare quanto Franco fosse innovativo.
Quando nel gennaio del 77 iniziai ad impostare il V6 la prima cosa che mi disse “Voglio un motore senza guarnizioni, solo OR, per le canne senti la Cooper per avere i loro anelli gas”. Ricordo ancora l’impazzimento per disegnare le sedi ovali che si adattassero allo sviluppo degli OR commerciali in Viton, gli unici allora disponibili che garantissero le prestazioni.
Quando un paio d’anni fa mi rivolsi a Zamuner, il preparatore MG/Honda a Maccarese, per un intervento e mi presentai il suo primo commento fu “ah il motore di Franco quello senza guarnizioni ….” erano passati più di 30 anni !
Poi il Franco maniacale per la pulizia e l’ordine, quando si fascettavano i cavi delle candele e dei tubi dell’iniezione, guai se non fossero ben disposti e le fascette messe alla giusta distanza, mica fascette qualunque quelle con la linguetta metallica che venivano dall’Inghilterra. Guai a passargli una chiave inglese o un martello sporco …. era capace di tirartelo …. il venerdi pomeriggio era di rito la pulizia dell’officina, la squadra degli apprendisti ..tutti erano chiamati “Schizzo” ripuliva tutti i carrelli e gli utensili.
Quando s’entrava in pista la vettura doveva essere lucidata con il polish “…devi stare attento a quelli che entrano con la macchina pulita e lucida, vuol dire che la macchina sta a posto ed hanno avuto il tempo per lucidarla, gli altri non contano” come ingegnere di pista ero addetto al polish.
Ricordo questi aneddoti perchè oggi a quasi 40 anni di distanza, direttore di due stabilimenti, gl’insegnamenti di Franco fanno ancora parte del mio bagaglio o meglio sono nel mio DNA.
Franco grazie.

Stefano d'Amico

Cari Amici, è bello e commovente questo parlare di Franco Angelini. E ancora grazie per il Vostro ultimo tributo che gli avete dedicato.
Purtroppo molti di noi, e purtroppo anche io, non potranno essere presenti ai Supi funerali e salutarLo ancora una volta.
Vorrei quindi invitare tutti Voi, tutti gli appassionati Alfisti, romani e non, a organizzare tra un mese o due una cerimonia, un incontro, preceduto da una Messa in suffragio, cui ritrovarsi, ricordarlo e ….. sentirlo ancora vivo e fra noi accompagnato dalla sinfonia dei Suoi motori e di alcune Sue vetture che sarà mia cura schierare per l’ occasione.
Ho già parlato con Danilo Moriero ( Officina Romana ) per questa iniziativa. Tutti insieme ancora una volta per e con il Nostro Franco.
Stefano d’Amico

Patrizio Dessi

Ho già parlato con Scala (Vallelunga) che sarebbe disponibile per organizzare qualcosa lì, il luogo forse più opportuno per ricordarLo.

Marco Persico

Lodevole iniziativa alla quale Alfaroma, aderisce sin da ora, offrendo massima disponibilità sia in ambito organizzativo che partecipativo, rendendo però noto che per gli ultimi due weekend di settembre il club ha già degli impegni prefissati.
Per qualsiasi info e necessità la nostra segreteria ( Andrea Sapia ) segreteria@alfaroma.it è a vostra disposizione.
Sarà un piacere per Noi partecipare al ricordo di questo Grande Personaggio legato alla storia dell’Alfa Romeo.

massimo benetello

mi chiamavi massimone da padova e con le lacrime agli occhi ti ricordo sempre per quello che mi hai insegnato e dato come amico e tecnico.mi vantero tutta la vita di averti conosciuto e di aver potuto condividere lavoro e amicizia.grazie di cuore franco ……….. a te maria un fortissimo abbraccio

Maurizio Possumato

quante “litigate” abbiamo fatto per le nostre pignolerie! Franco, oltre che il grande tecnico che tutti sanno, era buono e generoso e se pensava che meritavi ti dava tutto il suo aiuto. L’ultimo mio ricordo di lui è del 2003, quando avevo cercato il suo numero di telefono al bar a fianco della sua vecchia officina Alfa Romeo sulla Circonvallazione Gianicolense a Monteverde, lo avevo chiamato per fargli mettere mano su un motore Ferrari da corsa di una macchina che avrei guidato, mi disse “ma che sei matto? sto tanto bene a fa il pensionato, non ne vojo più sapé de corse”.
Franco ha lasciato un segno incancellabile nella storia motoristica MONDIALE e non solo italiana, non esagero e chi lo ha conosciuto e frequentato sa che aveva clienti in tutto il mondo e conseguentemente vittorie in tutto il mondo.
Si è spezzato uno degli ultimi ponti con il nostro passato automobilistico sportivo, ma il suo ricordo ci sarà sempre e ognuno di noi avrebbe molti aneddoti da raccontare.
A me fa piacere ricordarlo anche per come ha saputo vivere in pieno anche le gioie della vita oltre a quelle dei motori.
Quanti ricordi, quante litigate, quante risate sincere in piena allegria, quante emozioni!
Addio Franco, con tanto dolore

Pomponi Oreste

Oggi è stata una giornata triste per tutti gli Alfisti Veri! Alle ore 11:00 abbiamo dato l’ultimo saluto al mago delle Alfa Romeo Franco Angelini.
Per me è stato un onore averlo conosciuto, essere suo amico, e aver condiviso dei bei momenti sia privati che lavorativi, era una persona che dava sempre il massimo e pretendeva altrettanto, generoso e leale, una persona schietta, che se ti ci doveva mandare non si faceva scrupoli.
Era ormai qualche anno che si era ritirato per il meritato riposo.
Mi mancheranno le serate passate in officina da lui a vederlo preparare un motore, a provarlo nel banco prova, a vederlo fare una messa a punto che pochi al mondo sapevano fare.
Ciao Franco, come si dice le leggende non muoiono mai, ma tu sei stato molto di più, tu sei STORIA e vivrai per sempre nei cuori di chi ti ha voluto bene.

Andrea Sapia

E’ stata una cerimonia toccante. L’ omelia dedicata “all’uomo che capiva i motori”, ma anche la vita attraverso di essi, alcuni commoventi episodi raccontati da parenti ed amici, ci hanno fatto capire che Franco era amato per quello che era, prima ancora che per quel che faceva. Alfa Roma a nome di tutti gli Alfisti che lo conoscevano e lo ammiravano ha voluto rendergli un piccolo omaggio con la presenza di qualcuna di quelle rumorose Alfa Romeo a cui aveva dedicato la vita professionale e che lo hanno reso celebre. Speriamo che Gli abbia fatto piacere.

Fabrizio De Angelis

Ciao Franco sono ancora in possesso della tua 156, mi dicesti i conti si fanno dall’alto verso il basso e la presi è quì sotto casa mia, già a 15 anni quando mi chiamavi schizzo ogni scusa era buona per entrare nella tua officina, era come un luna park di auto da corsa, rosso e bianco, poi l’Alfa Sud 13 TI, poi la 33 1.7 quadrifoglio, tutte, che all’ora di pranzo venivo a trovarti e tu gli davi un’occhiata insieme a Giovanni. Poi i Tuoi inviti al Muggello, Misano e Vallelunga la tua pista. Le corse sulla Roma – Fiumicino per andare a comprare il pesce fresco, e poi l’11 settembre 2001 che ti aiutavo a consegnare l’officina alla Piaggio, un saluto a tua figlia. Ciao Franco e i tuoi 200 all’ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *