Disco Volante Superleggera. Le emozioni Alfa ritornano dopo 60 anni




Sono trascorsi 60 anni dalla nascita della Disco Volante del 1952. La C52 è una delle automobili più importanti della storia della Carrozzeria Touring. Anche se costruita in pochi esemplari, fece sensazione per le sue forme avveniristiche che, come sempre, nulla concedevano alla decorazione ma derivavano da un attento studio funzionale. Proporzioni, volumi e tratti avevano una tale carica innovativa da influenzare il design automobilistico internazionale per tutto il decennio successivo.

Una vettura nata in tempi ancora incerti, dedicata ai pochi clienti che volevano cimentarsi in competizione come gentlemen driver, sfruttando l’autotelaio dell’Alfa Romeo 1900 C di serie, con il motore opportunamente potenziato e la carrozzeria Superleggera supportata da una struttura a traliccio tubolare.

Nata per le corse, con caratteristiche di grande leggerezza ed efficienza aerodinamica, la C52 colpì l’immaginario collettivo guadagnandosi il soprannome di ‘Disco Volante’, e divenne rapidamente un’icona del design automobilistico.

Per festeggiare questo compleanno, Carrozzeria Touring Superleggera ha deciso di produrre a mano la Disco Volante 2012, una coupé due posti a motore anteriore centrale e cambio transaxle, in una piccolissima serie per una clientela selezionata.

Sono stati ripresi e reinterpretati certi elementi tipici della C52, come le ruote anteriori coperte, il taglio orizzontale attorno a tutta la vettura sottolineato da un profilo d’alluminio, le linee allungate del posteriore che termina con le luci rotonde.

Per garantire la massima leggerezza, i pannelli della carrozzeria sono in alluminio battuto a mano, mentre altri particolari sono in fibra di carbonio. Per costruire una Disco Volante 2012 sono necessarie oltre 4.000 ore di lavoro altamente qualificato.

Telaio e motore sono quelli dell’Alfa Romeo 8C

Touring Superleggera, la storia

La Carrozzeria Touring Superleggera, considerata in tutto il mondo tra i massimi esponenti della scuola stilistica italiana, è nata a Milano il 25 marzo 1926 e si è subito affermata nel ristretto ambiente degli stilisti internazionali per la duplice attività di costruttore di
“fuoriserie”, e di progettista e costruttore di automobili ad alte prestazioni per i marchi più nobili dell’epoca d’oro delle grandi automobili: Alfa Romeo, Isotta Fraschini, Bmw, Lancia, per continuare nel dopoguerra anche con Aston Martin, Ferrari (la maggior parte della produzione fino al 1952), Lamborghini, Maserati e Pegaso.

Il suo brevetto “Superleggera”, che permetteva di alleggerire al massimo la carrozzeria
delle automobili più sportive, ha consentito a Touring di eccellere anche nel settore delle
auto da competizione: nel palmarès dello stilista milanese trovano posto, tra l’altro, undici vittorie assolute alla Mille Miglia, di cui nove consecutive.

Tra i modelli più famosi progettati da Touring, si possono ricordare l’Isotta Fraschini Flying
Star (1931), le Alfa Romeo 2500 Villa d’Este (1949) e 1900 Sprint (1952), la Maserati 3500
GT (1957), la Ferrari 166 MM “barchetta” (1949), l’Aston Martin DB 4 e DB5 (1958), la
prima Lamborghini 350 Gt (1963) e la Lamborghini Flying Star II su meccanica 400 Gtv
(1966).



1 comment — invia un commento

revato bottiglieri

sempliocemente fantastica in questi casi vorrei essere ricco per dire OK LA COMPRO .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *