Alfa Roma. Lo statuto del nuovo club che mette in moto la passione




Alfa Roma ha uno statuto che regola l’ingresso dei nuovi soci e le attività sociali. Tutti devono conoscerlo per chiedere di entrare nel club. Ecco di seguito i link per scaricare lo statuto e il modello da compilare per inoltrare la domanda di iscrizione. Le Quote Associative annue per il Club Alfa Roma sono fissate in 70 Euro (prima iscrizione) e 50 Euro (rinnovo).

Qui puoi scaricare lo Statuto 

Qui puoi scaricare la domanda di iscrizione.

Nel caso volessi ottenere altre informazioni, puoi scrivere a Andrea Sapia a segreteria[at]alfaroma.it o telefonare al numero +39 06.5665975 (Andrea e Marco Persico, che sono i commissari tecnici).

Vincenzo Pagano (presidenza[at]alfaroma.it)

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE ALFA ROMA

Art. 1. Denominazione e sede dellʼAssociazione
Eʼ costituita con sede in Roma (RM) in Via Solero, nr. 4 lʼAssociazione denominata “Alfa Roma”. Con delibera del Consiglio Direttivo può essere modificata la sede legale o possono essere indicate sedi secondarie senza necessità di integrazione del presente atto. La presente Associazione potrà esplicare la propria attività sullʼintero territorio nazionale. Il simbolo grafico dellʼAssociazione è rappresentato dalla scritta Alfa Roma a caratteri bianchi su badge di colore rosso e scritta sottostante Capitale da difendere in colore giallo. Il motto Capitale da difendere è rappresentativo dell’obiettivo sociale ed è riferito sia alla città di Roma che al patrimonio storico e culturale del marchio automobilistico Alfa Romeo.

Art. 2. Durata e Scopo dellʼAssociazione
LʼAssociazione ha durata illimitata. LʼAssociazione ha carattere volontario e non ha scopo di lucro ed opera per i seguenti fini:
• promuovere lʼinteresse, lo studio, l’attualità, la conservazione, lʼutilizzo ed il restauro dei veicoli Alfa Romeo dʼepoca di ogni tipo e del marchio Alfa Romeo;
• riunire in sodalizio i possessori e gli estimatori di veicoli Alfa Romeo dʼepoca di ogni tipo;
• patrocinare ed organizzare manifestazioni, raduni, incontri sociali ed iniziative culturali coerenti con gli scopi sociali sopra indicati.
• Ricercare sponsorizzazioni per l’attività sociale sopra descritta.
LʼAssociazione, per quanto qui non espressamente indicato, si ispira allo statuto del Registro Italiano Alfa Romeo.

Art. 3. Organi dellʼAssociazione
Organi dellʼAssociazione sono il Presidente, il Consiglio Direttivo, il Consiglio dei Soci Fondatori e lʼAssemblea dei Soci.
Il Presidente dellʼAssociazione, individuato nella persona del Socio Fondatore Vincenzo PAGANO, presiede il Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo è composto da 5 (cinque) membri, inizialmente scelti tra i Soci Fondatori, compreso il Presidente, che restano in carica per 5 (cinque) anni e sono rieleggibili. In ogni caso il numero dei consiglieri espressi dai Soci Fondatori sarà maggiore dei consiglieri espressi dai Soci Ordinari e dai Soci Onorari. Per le elezioni del Presidente, in caso di parità di voti, verrà eletto il più anziano di età. Le votazioni si effettuano per alzata di mano.
Il Presidente verifica lʼattuazione dellʼoggetto sociale in coordinamento con il Consiglio Direttivo ed adotta gli strumenti necessari per lo svolgimento della vita sociale.
Il Segretario rappresenta gli interessi dellʼAssociazione e cura lʼamministrazione ordinaria e straordinaria dellʼAssociazione. In particolare:
• cura lʼesecuzione delle deliberazioni assembleari;
• redige il bilancio preventivo e quello consuntivo;
• compila i regolamenti interni;
• stipula tutti gli atti e contratti inerenti allʼattività sociale;
• compie tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione e lo sviluppo dellʼAssociazione.
Il Consiglio dei Fondatori è formato da 10 (dieci) soci fondatori e finanziatori che hanno dato inizio allʼAssociazione. Esso ha i seguenti compiti:
• elegge il Consiglio Direttivo e nomina il Presidente;
• crea e nomina altre figure di responsabilità allʼinterno dellʼAssociazione;
• esprime parere sulle domande di iscrizione di nuovi soci;
• delibera su eventuali finanziamenti da stanziare per gli scopi sociali;
• propone e delibera la creazione di eventuali Registri di Modello allʼinterno dellʼAssociazione stessa;
• propone le modifiche dello Statuto con la maggioranza necessaria di almeno il settanta per cento dei Soci Fondatori presenti sia in prima che in seconda convocazione. Le decisioni del Consiglio dei Fondatori vengono assunte con il consenso di almeno il 51% dei suoi membri effettivi. In caso di parità il voto del Presidente viene considerato doppio, sia nel Consiglio Direttivo che in quello dei Fondatori.
LʼAssemblea dei Soci si riunisce almeno una volta allʼanno e hanno diritto di partecipare alla stessa tutti i soci in regola con la quota sociale. LʼAssemblea è convocata dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno, oppure ne sia fatta richiesta da almeno un quinto degli aderenti o da almeno un terzo dei consiglieri. LʼAssemblea Ordinaria è valida in prima convocazione quando siano presenti, anche per delega ad altri soci, almeno i tre quinti dei soci in regola con il pagamento della quota associativa annua; in seconda convocazione, trascorsa mezzʼora dal termine fissato per la prima, qualunque sia il numero dei presenti aventi diritti di voto. Le deliberazioni dellʼAssemblea sono valide se prese con la maggioranza del 51% (cinquantuno per cento) dei votanti. La convocazione di assemblea è fatta con invito con almeno 10 (dieci) giorni di anticipo e recante il giorno, lʼora e la località di convocazione, nonché lʼordine del giorno. Eʼ sufficiente la risposta di presa visione a mezzo posta elettronica della modalità e dellʼoggetto di convocazione.
LʼAssemblea delibera in particolare:
• sullʼapprovazione del bilancio annuale e si esprime sulla relazione consuntiva e programmatica;
• sulla proposta di candidati per il Consiglio Direttivo;
• sulla proposta di manifestazioni, raduni, iniziative non a calendario o di modifiche di quelle a
calendario;
• sulla proposta di ampliamento del Consiglio Direttivo.
Le assemblee vengono presiedute dal Presidente del Club o, in caso di impedimento o rinuncia, dal Segretario.

Art. 4. Acquisizione della qualità di Socio
I soci dellʼAssociazione possono distinguersi nelle seguenti categorie: Soci Fondatori, Soci Ordinari e Soci Onorari.
• Soci Fondatori: sono coloro che inizialmente hanno dato vita allʼAssociazione stessa; essi sono individuati nella persona dei soci Vincenzo PAGANO, Andrea SAPIA, Marco PERSICO, Andrea PERSICO, Carlo TIBERI, Andrea MONTANARO, Andrea CASTAGNINO, David CAROSI, Giorgio CAMICIOLA, Francesco BERNARDI.
• Soci Ordinari: sono tutti coloro che, possessori o estimatori dei veicoli Alfa Romeo dʼepoca, condividendo principi ispiratori e modalità operativa dellʼAssociazione, richiedono annualmente di venire ammessi secondo le indicazioni e sulla base dei requisiti di iscrizione determinati del Consiglio Dei Fondatori,e sono in regola col rinnovo della quota sociale. L’aspirante socio, comunque, è tenuto a compilare il modello di domanda e ad accettare integralmente il contenuto del presente Statuto. Il Consiglio dei Fondatori può deliberare sulle domande di ammissione, motivandone eventualmente il rigetto.
• Soci Onorari: nominati dal Consiglio dei Fondatori tra coloro che si siano dimostrati particolarmente meritevoli per le azioni svolte nei confronti dellʼAssociazione stessa o per i fini da essa perseguiti.
• Il Consiglio Direttivo si riserva di richiedere ai singoli soci tutte le necessarie dichiarazioni per sollevare lʼAssociazione da eventuali responsabilità sia civili che penali e/o sanzioni amministrative che, per causa dellʼassociato, venissero comminate allʼAssociazione stessa o al suo Presidente per
incidenti automobilistici e/o danni causati a terzi durante le manifestazioni.
Lo status di socio è intrasmissibile. Tutti i soci possono partecipare allʼattività dellʼAssociazione coerentemente con gli scopi sociali ed hanno lʼobbligo di osservare le regole previste dal presente statuto.

Art. 5. Perdita della qualità di Socio
La qualità di socio viene persa per recesso, decadenza o esclusione. LʼAssociato può sempre recedere dallʼAssociazione, mediante dichiarazione di recesso comunicata per iscritto al Consiglio Direttivo. La dichiarazione di recesso ha effetto immediato.
La decadenza avviene per morte o perdita della capacità di intendere e di volere.
Lʼesclusione è decisa dal Consiglio dei Soci Fondatori nei confronti di qualunque socio che non sia in regola o in contrasto con le norme e le regole associative ed è automatica e immediata nel caso di soci che non abbiano provveduto al versamento della quota di rinnovo per l’anno successivo entro e non oltre il 31 dicembre dell’anno in corso, o che abbiano tenuto un comportamento scorretto e lesivo nei confronti dellʼAssociazione stessa e dei fini da essa perseguiti, del Consiglio Direttivo, dei Soci Fondatori e dei Soci Ordinari e del marchio Alfa Romeo.

Art. 6. Fondo Comune
L’esercizio sociale coincide con lʼanno solare. Le erogazioni in denaro versate dai soci, le donazioni e le sponsorizzazioni in denaro da parte di terzi e tutti i beni acquistati con tali contributi costituiscono il fondo comune dellʼAssociazione. Tale fondo, destinato alla copertura delle spese necessarie alla realizzazione degli scopi sociali, è amministrato dal Consiglio Direttivo ed è custodito dal Segretario, tenuto al rendiconto di gestione alla fine di ogni esercizio sociale. Finché dura lʼAssociazione, i soci o i loro eredi non possono chiedere la divisione del fondo comune.

Art. 7. Scioglimento dellʼAssociazione
Lo scioglimento dellʼAssociazione, per qualsiasi causa, è deliberato dal Consiglio dei Fondatori, il quale stabilirà anche la destinazione del patrimonio sociale disponibile al momento dello scioglimento a Enti o Associazioni che perseguano la promozione e lo sviluppo di attività con fini equiparabili a quelli dell’Associazione.

Art. 8. Rinvio
Per tutto quanto non previsto nel presente Statuto, valgono le disposizioni delle leggi in materia.

Art. 9. Foro competente
Per ogni controversia che nasca tra i Soci, gli Organi Sociali e l’Associazione sarà competente il Foro di Roma.

Testo modificato ed approvato allʼunanimità dallʼAssemblea dei Soci Fondatori del 29 Febbraio 2012
Vincenzo PAGANO
Andrea SAPIA
Marco PERSICO
Andrea PERSICO
Carlo TIBERI
Andrea MONTANARO
Andrea CASTAGNINO
David CAROSI
Giorgio CAMICIOLA
Francesco BERNARDI

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *